Carota – La pianta medicinali che non ti aspetti

Parliamo spesso di piante medicinali e curative, ma ogni tanto spunta fuori qualcosa di inaspettato… lo sai che la carota oltre che a essere ottima come alimento ha anche proprietà medicinali? Scopri di più insieme alla nostra Cristina.

Daucus carota L.

Famiglia: Umbellifearae

Parti Utilizzate: Radice (estratto oleoso delle radici)

Descrizione e origine della carota

La carota è un’erbacea annuale o biennale con radice carnosa (la coltivata). Il fusto è eretto, striato e ramoso, raggiunge i 40-90 cm; le foglie sono alterne frastagliatissime, i fiori bianchi o rosei in ombrella.

carotaPrincipi attivi di riferimento della carota

Carotenoidi in particolare il beta-carotene. Proantocianidine, acidi grassi.

Attività principali

Antiossidante

Uso della carota

L’uso della carota è frequente come integrazione dietetica di precursori della vitamina A come il beta-carotene. Ricordiamo che il beta-carotene al contrario della vitamina A non può dare problemi di tossicità da accumulo, in quanto il nostro organismo lo converte lentamente e l’assorbimento intestinale si riduce proporzionalmente alla sua assunzione. I carotenoidi sono composti antiossidanti ritenuti importanti per la loro attività protettiva.

Il “Colore giallo” – I carotenoidi

Il colore come indicatore della presenza di principi attivi di particolare valore negli alimenti, è oramai un concetto che negli ultimi anni è stato diversamente ed ampiamente utilizzato. In effetti è solo recentemente che gli alimenti hanno iniziato ad essere considerati non solo come “contenitori” di vitamine, minerali e ovviamente proteine, grassi, carboidrati, ma anche per la presenza di numerosi composti il cui valore per la nostra salute viene evidenziato ogni giorno di più. Molti di questi importanti composti sono proprio quelli che danno colore agli alimenti, in particolare frutta e verdura. Tra questi ricordiamo ad esempio i polifenoli, le antocianine del mirtillo, e appunto i carotenoidi il cui colore, a seconda del tipo va dal giallo al rosso. Tutta la frutta e la verdura che mostra questi colori di norma contiene dei carotenoidi, ne sono un esempio il melone, il peperone, ma anche il pomodoro con il suo rosso licopene ed ovviamente la carota.
Sono composti dotati di diverse proprietà tra le quali un’importante attività antiossidante. Sono generalmente liposolubili e nel caso della carota, il beta-carotene tende ad accumularsi nella pelle. Un consumo abbondante di carote infatti produce una colorazione aranciata dell’epidermide che torna assolutamente normale quando il consumo diviene normale. La loro struttura chimica e la capacità di accumularsi alla “superficie” dei viventi, siano essi piante o animali, rende i carotenoidi degli importanti fotoprotettori.
Il beta-carotene nell’uomo si converte a livello della mucosa intestinale in retinolo (vitamina A), è quindi più precisamente un precursore della vitamina A.

Fonte http://www.conoscerelepiantemedicinali.it/indice_delle_piante.html

leggi anche

http://www.farmaciafanni.it/curcuma-zenzero-due-aiuti-dalla-natura/

http://www.farmaciafanni.it/conosci-the-verde-scopriamo-insieme-tutte-le-proprieta/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *